Venerdì, 10 Aprile 2009 00:00

U doppu terremotu è comu l’analisi del voto

Scritto da  Enzo Colacino

Dopu ogni eleziona politica, ‘a prima cosa cchi ssi fa, specialmenta doppu cchi pigghjasti ‘na lignata, è l’analisi del voto. Si chjùdanu nt’a na stanza chiddhi d’o partitu ccu ‘a capu cchjù randa e cèrcanu ‘ma capìscianu  u ppecchì ‘e na copanata ‘e chiddhi dimenzioni.

A la fina d’o stùdiu nèscianu fora e dinnu subba i giornali “Questa sconfitta è stata salutare, abbiamo capito molte cose e risorgeremo da queste macerie” Puntuala comu ne reroggiu svizzeru arrivanu n’atra vota l’elezioni e arriva n’atra lignata. Chiddhu cchi vogghju ‘ma dicu eu è ca l’analisi del voto è uguala a lu “Dopo terremoto”! Si non cangi modu ‘e fara, si non cangi i perzuni cchi hannu u culu ncoddhatu a la seggia d’o potere, perdi sempa! I terremoti parranu, e comu si pàrranu…Prima murmurianu chjanu chjanu, poi grìdanu ccu tutta ‘a forza cchi hannu ‘ncorpu, orbicandu genti innocenti e poi quandu ‘a purbarata d’e macerii si posa n’atra vota nterra, ti dinnu ca i casi, i ponti, i gallerii s’hannu ‘e costruira ccu criteriu sinnò iddhi ‘i cotulànnu nterra comu nenta. In Italia doppu nu terremotu, n’alluviona.. na frana…. Prima si cùntanu i vìttimi e poi si cùntanu nu saccu ‘e fisserii…e chiddhu cchi è importanta non si trova mai nu colpevola!  Si voi ‘ma vinci cc’u terremotu hai ‘ma costringi cu costruiscia ‘ma u fa ccu tutti i crismi, e chiddhi cchi non u fannu, hai ‘ma i chjudi nt’a nu carceru costruitu senza i normi antisismichi accussi, quandu cci cada ‘e ncoddhu cci resta impressu comu s’ha de costruira.

 

Speriamu ppemma u ponta subba u strittu ‘e Messina ‘u ncumìncianu subitu si non atru a la prima scossa fujimu tutti ddhà ca stacimu tranquilli ca, armenu iddhu, non ni cada ‘e ncoddhu…

Dicu eu, datu ca epparu u tempu ‘ma si jungianu e ‘ma fannu nu studiu subba ssu problema cchi tantu hannu a cora, non fussera bonu si s’assetteranu na vota ppe’ tutti e seriamenta, tutti ‘nzema, vidèranu ‘ma trovanu ‘a soluziona ppe’ comu  tanti italiani malati e no hannu ‘e campara? U fattu è ca quandu viaggi nt’a treni veloci e guardi d’o finestrinu, penzi sulu a li fatti toi e non vidi tutti chiddhi cchi su’ a peda e chi ti cèrcanu ajutu. Attenziona ca ‘a velocità è pericolosa e prima o poi sbagli  nc’una curva e t’accappotti…

Letto 42338 volte Ultima modifica il Sabato, 01 Dicembre 2012 01:06