Domenica, 11 Maggio 2014 00:00

Tempu 'ma dormimu ndavimu..

Scritto da  Enzo Colacino
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ca Catanzaru è na città cchi sta morendu u sapìamu tutti, ma ca puru quando si cerca ‘ma si rianima c’è cu si ndispona allora vo dira ca on da volimu mancu ppe’ nzalata. ‘A differenza tra Catanzaru e l’atri città duva ci sunnu manifestazioni ccu musica allegria e dicimulu puru nu pocu ‘e chiassu, sta nt’o fattu, secundu mia, ca l’atri su’ cchjù tolleranti, ppecchì puru si ppe’ na jornata s’hannu ‘e sacrificara, capìscianu ca cci su’ giuvani cchi hannu bisognu ‘ma vìvanu ‘a vita loru diversa ‘e chiddhi cchi ‘a musica o ‘a gara podistica o d’e màchini non ‘a concepiscianu ‘e nenta. Fermu restandu ca tutti hannu uguali diritti, non potimu mandara i giuvani ‘ma sentanu musica a lu Bersagliu (Hjumareddha) o fara ‘a maratona a lu cimiteru, si poi dicimu ca volimu ‘ma rivitalizzamu u centru! Cchiuttostu ‘a prossima vota cchi si fa na maratona, fussera bonu ‘ma s’avvisa u Sindacu accussì organizza megghju ‘a sirata no? 
Catanzaru chissa è. Si non ci su’ strati, si non ci su’ parcheggi si non ci su’ spazi duva si po’ fara cultura , si insomma non c’è na beneamata ciarameddha ‘a curpa sarà puru ‘e cu prominta ‘e poi si jetta tuttu arretu u cozzettu no? Allora nu pocu ‘e pacenza, ca tempu ‘ma dormimu ndavimu tantu….

Letto 16646 volte
Altro in questa categoria: « Un polmone molto malato